Da qualche anno il Cannabidiolo, più comunemente conosciuto come CBD, sta assumendo enorme importanza da un punto di vista terapeutico, principalmente per due motivi:

  1. Da un punto di vista farmacologico ha numerose applicazioni cliniche anche per la sua mancanza di effetti psicotropi (a differenza del THC);
  2. Da un punto di vista normativo non segue la legislazione delle infiorescenze di cannabis (la ricetta richiesta è una ricetta bianca).

Per cosa viene utilizzato il CBD?

Molte esperienze e studi scientifici suggeriscono una buona attività del CBD per diverse patologie e problematiche, come:

  • Epilessie farmaco-resistenti;
  • Osteoartrosi;
  • Ictus;
  • Nevriti;
  • Dermatiti;
  • Malattie neurologiche;
  • Ansia e stress;
  • Tumori;
  • Osteoporosi;
  • Malattie autoimmuni;
  • Diabete;
  • Deficit cognitivi;
  • Patologie gastrointestinali.

Come si somministra il CBD?

Vogliamo sottolineare di procedere sempre e comunque secondo quanto riportato in ricetta medica. Detto ciò, di seguito riportiamo un breve elenco di linee guida per la somministrazione del CBD:

  • I dosaggi sono soggettivi e variano in base alle caratteristiche dell’individuo e la patologia trattata;
  • Assumere lontano dai pasti (circa 2 ore);
  • Assumere lontano da altri farmaci (circa 2 ore);
  • Somministrare con una piccola porzione di cibo o meglio direttamente in bocca;
  • La durata della terapia a base di CBD varia in base alla patologia;
  • Il mimino di una terapia consigliabile è di 1-2 mesi;
  • I primi effetti visibili della terapia si riscontrano non prima di 4-5 giorni e fino a 2 settimane dall’inizio del trattamento (è comunque variabile da soggetto a soggetto ed in relazione alla patologia).

Quali sono i preparati a base di CBD?

Per ottenere un preparato a base di CBD di grado farmaceutico è necessario rivolgersi ad una farmacia galenica (come la nostra), fornendo una ricetta medica in corso di validità.

Nota bene: il CBD non è un medicinale stupefacente e il medico lo può prescrivere con una ricetta bianca.

Sono diversi i preparati realizzabili, ma tra i più utilizzati troviamo:

  • OLIO DI CBD: un olio contenente il CBD sviluppato con l’utilizzo di olio MCT, un derivato dell’olio di cocco completamente insapore e inodore. L’olio è sicuramente la miglior via per la somministrazione del CBD;
  • MICROCAPSULE: sono capsule piccolissime, per questo facili da deglutire, concepite e dedicate sopratutto per gli animali di piccola taglia;
  • LOZENGES: innovativa forma farmaceutica priva di lattosio, zucchero, saccarosio e di tutti gli eccipienti normalmente contenuti nelle compresse. Le lozenges sono divisibili in 4 parti per un’ulteriore personalizzazione nella somministrazione. La via sub-linguale garantisce un rapido assorbimento del principio attivo.

Come vanno conservati questi prodotti?

Tutti i farmaci sopra riportati sono preparati al momento della richiesta ed hanno scadenza a 6 mesi se conservati in frigorifero. Diversamente, già dopo 1 mese il CBD inizia a degradare e la concentrazione all’interno del preparato può calare.

E i prodotti che si trovano online??

Non entriamo in merito alla qualità dei prodotti NON farmaceutici che si possono trovare online, aspetto da tenere comunque in considerazione, ma essendo la legislazione non chiara in merito ciò mette a rischio la professione di chi prescrive o solamente consiglia questi prodotti.