Cannabis e animali: ecco gli effetti dei preparati galenici

26-04-2023   | Cannabis Terapeutica

La cannabis può essere utilizzata sugli animali per alleviare gli effetti di tantissimi disturbi e malattie (anche croniche).

Vediamo insieme in questo articolo che cosa sono i cannabinoidi, quali sono le principali indicazioni terapeutiche e approfondiamo l’argomento dei preparati galenici a base di cannabis medica.

Cosa sono i Cannabinoidi?

I cannabinoidi sono sostanze che si legano con affinità più o meno elevata agli omonimi recettori, espressi in rapporti variabili nei tessuti animali (uomo compreso). Quelli più studiati sono il CB1 e il CB2.

A questi, sono andati via via affiancandosi altri recettori, che mediano molti degli effetti di questi composti e di altri ad essi correlati.

Esistono quattro principali “classi” di cannabinoidi: gli endocannabinoidi, i fitocannabinoidi, i cannabinoidi sintetici e i cosiddetti composti cannabimimetici (o endocannabinoidi-like).

Vediamoli nel dettaglio.

– ENDOCANNABINOIDI: vengono prodotti dall’organismo animale e vegetale. I principali rappresentanti sono:

  • AEA (anandamide)
  • 2-AG (2-arachidonoil-glicerolo)

Agiscono direttamente sui recettori CB1 e CB2 con un effetto pro-omeostatico per il mantenimento delle condizioni di equilibrio dell’organismo.

– FITOCANNABINOIDI: vengono prodotti dalle piante di genere “Cannabis”. I principali rappresentanti sono:

  • THC (delta-9-tetraidrocannabinolo)
  • CBD (cannabidiolo)
  • CBG (cannabigerolo)

Hanno un’azione diretta sui recettori CB1 e CB2 e tramite interazione con gli endocannabinoidi. La pianta li produce come meccanismo di difesa contro parassiti, mentre nei mammiferi hanno una moltitudine di effetti benefici.

– CANNABINOIDI SINTETICI: sono prodotti tramite sintesi chimica (non esistono in natura). I principali rappresentanti sono il Dronabinol ed il Nabilone. Sono presenti in medicinali ad uso umano per il trattamento di nausea e vomito in pazienti che seguono terapie chemioterapiche.

– COMPOSTI CANNABIMIMETICI: sono prodotti dall’organismo animale e anche da alcune piante (leguminose, soia, arachidi…). Il principale rappresentante è:

  • PEA (palmitoil-etanolamide)

Agisce tramite recettori PPAR-a o tramite interazione con gli endocannabinoidi. Ha un effetto pro-omeostatico mantenendo le le condizioni di equilibrio dell’organismo.

Fitocannabinoidi “famosi”: THC e CBD

Sono cannabinoidi di origine naturale, prodotti e contenuti nella pianta di Cannabis, alla quale devono il loro nome. Le varietà di questa pianta disponibili e prescrivibili sono molte e si differenziano per la loro composizione.

Quando si trattano prodotti di origine vegetale, non si considera un solo principio attivo, ma l’insieme di tutte le sostanze prodotte dalla pianta: il fitocomplesso.

Nel caso della cannabis il fitocomplesso è composto dai cannabinoidi, dai terpeni, dalle clorofille, dagli alcaloidi, e da altri gruppi di sostanze per un totale di più di 800 molecole.

Le più conosciute sono sicuramente il THC e il CBD. Va precisato che all’interno delle infiorescenze fresche di cannabis, i cannabinoidi sono nella loro forma acida (inattiva).
Sarà dunque compito del farmacista preparatore attivare i cannabinoidi e allestire preparati con specifiche metodiche in grado di garantire la qualità del prodotto finale.

cbd oil veterinario farmacia San Carlo

Leggi anche: “Tutto quello che c’è da sapere sul CBD”

Principali indicazioni terapeutiche dei Fitocannabinoidi

  • Trattamento del dolore (neuropatico, cronico e oncologico)
  • Terapia oncologica integrata
  • Osteoartrosi
  • Dolori cartilaginei degli arti
  • Disturbi comportamentali (ansia, stress)
  • Epilessie farmacoresistenti
  • Patologie immunomediate

Quali sono i dosaggi di riferimento per queste terapie?

La terapia va valutata caso per caso, in base alla patologia e alla soggettiva risposta del paziente. Con i nostri prodotti la terapia viene “cucita sul paziente, come un vestito su misura”.

I nostri consulenti sono sempre a disposizione per confrontarsi e supportare il medico per impostare la miglior terapia per ciascun paziente.

Ecco le varietà di CANNABIS MEDICA disponibili ad oggi in Italia:

  • BEDROLITE: THC < 1%; CBD 9 %
  • BEDIOL: THC 6,5 %; CBD 9 %
  • FM2: THC 7,5-8 %, CBD 8-12 %
  • BEDICA: THC 14 %, CBD < 1%
  • FM1: THC 13-20 %, CBD < 1 %
  • BEDROCAN: THC 22 %; CBD < 1 %
  • VARIETA’ ALTO THC: THC 16-27 %; CBD < 1 %

 

Le disponibilità sono spesso soggette a variazioni e purtroppo anche a periodi di assenza di alcune infiorescenze, puoi contattarci in ogni momento per conoscere la situazione aggiornata in tempo reale.

In casi di carenza prolungata di alcune infiorescenze è possibile utilizzare quelle a disposizione, con l’aggiunta di CBD CBG e terpeni, al fine di “imitare” il profilo dell’infiorescenza mancante. Puoi contattare i nostri consulenti per maggiori informazioni.

Preparati a base di Cannabis medica

In medicina veterinaria sicuramente il farmaco che viene maggiormente preparato è l’ESTRATTO OLEOSO ottenuto per estrazione delle infiorescenze femminili, su prescrizione medica.

COME SI USA: la somministrazione avviene in gocce (preferibilmente direttamente sulla lingua). E’ necessario iniziare sempre con poche gocce ed attendere almeno 4-5 giorni di terapia prima di aumentarne il numero; sempre e comunque secondo le indicazioni del medico veterinario. E’ opportuno agitare il flacone prima dell’uso.

CONSERVAZIONE: questi estratto vanno conservati a temperature inferiori dei 25 gradi, spesso sono conservate in frigo P(non obbligatorio ma consigliato) in modo da garantire una stabilità dei cannabinoidi in soluzione fino a 3 mesi dalla data di preparazione. E’ possibile anche dividere l’olio in più flaconi al fine di congelare quelli che non si utilizzano e poterne allungare la scadenza

CONSIGLI UTILI: Per una corretta gestione della terapia è sempre consigliabile un inizio graduale a bassi dosaggi di cannabinoidi da iniziare nelle ore serali (quando è possibile tener monitorato l’animale). Porre maggiore attenzione ad estratti contenenti solo THC per il suo effetto psicotropo. Qualora non fosse possibile somministrare l’olio tal quale si potrebbe valutare di incapsularlo o di incorporarlo in bocconcini di cibo al gusto più gradito dall’animale.

Sei uno specialista? Per te una grande novità!

Se sei uno specialista, contatta i nostri consulenti per richiedere l’accesso esclusivo al nostro FORMULATORE GALENICO.

I principali vantaggi di questo nuovo software sono:

Titolazione teorica (mg/goccia) di THC, CBD e CBG presenti nella formula che si sta prescrivendo.

Disponibilità cannabis in tempo reale presso il laboratorio della farmacia.

Generatore automatico del testo da incollare in ricetta.

In evidenza

Olio di CBD: tutte le sue caratteristiche

Olio di CBD: tutte le sue caratteristiche

L’utilizzo della cannabis in ambito terapeutico sta avendo una crescita...
Argento colloidale: principali usi e proprietà

Argento colloidale: principali usi e proprietà

L'argento colloidale è diventato un argomento di grande interesse negli...

Newsletter

Rimani aggiornato,
iscriviti alla nostra newsletter.