Cambio di stagione e dolori articolari

20-09-2022   | Cannabis Terapeutica Salute e Benessere

È vero che durante i cambi di stagione i dolori articolari sono più presenti del solito, o sono soltanto leggende e voci di corridoio?

Nonostante non sia mai stato confermato dalla comunità scientifica, secondo molti studi esiste un legame diretto tra i cambiamenti climatici e i dolori articolari di cui soffrono molte persone.

Nelle giornate fredde e piovose molte persone lamentano di sentire le proprie articolazioni più rigide e doloranti, ma perché?

Dolori e cambi di stagione

L’acutizzarsi dei dolori in concomitanza con le variazioni climatiche colpiscono principalmente le zone del corpo più deboli, come la schiena o il tratto cervicale, le ginocchia, ma anche vecchi interventi chirurgici, ernie e cicatrici.

Secondo lo studio effettuato dal professore Robert Jamison della Harvard Medical School, esiste un legame diretto tra i cambiamenti climatici e i dolori articolari di cui soffrono diverse persone, basato su motivazioni biologiche. Infatti, quando la pressione barometrica cala e arriva il mal di tempo, questo calo influisce sulla pressione sanguigna che eserciterebbe una forza inusuale sulle articolazioni, ed è proprio per questo motivo che pioggia, umidità, e sbalzi di temperatura e pressione determinano un fastidioso aumento dei sintomi.

Si è notato che l’effetto sarebbe più forte nei punti già colpiti da qualche trauma o patologia, mentre tra i tessuti ‘sani’ permane un buon equilibrio tra i liquidi intra e extra cellulari, e questo evita la comparsa di dolore in persone che non presentano traumi o complicazioni articolari.

In ambito ortopedico sono numerose le patologie che risentono notevolmente di questi cambiamenti climatici, ad esempio:

  • Fibromialgia: si presenta con un dolore muscolare e nelle strutture connettivali fibrose (legamenti e tendini). Il dolore muscolo-scheletrico peggiora sensibilmente con il freddo e il clima umido, mentre il caldo e i periodi di vacanza apportano un miglioramento.
  • Artrite reumatoide: con questo termine si indica un’infiammazione delle articolazioni che provoca dolori, gonfiori, rigidità degli arti e difficoltà di movimento. E’ progressiva, quindi tende a diventare cronica e colpisce le articolazioni mobili del corpo. Studi recenti hanno evidenziato l’esistenza di una correlazione tra variazioni climatiche improvvise e peggioramento dei sintomi dell’artrite reumatoide, ma i colpevoli non sono tanto il freddo e l’umidità, quanto gli sbalzi di pressione atmosferica. Pertanto, vanno evitati i passaggi repentini da un clima secco ad uno umido, l’esposizione diretta al sole e ad altre fonti di calore, che potrebbero aggravare l’infiammazione delle articolazioni e facilitare la comparsa di reazioni cutanee causate dai farmaci (Scopri di più sull’artrite).
  • Osteoartrite: è la forma più comune di artrite, caratterizzata dalla degenerazione della cartilagine articolare. Anche in questo caso sbalzi di pressione sono da evitare in quanto peggiorano la sensazione di dolore associato.
  • Lombalgia: comunemente chiamato mal di schiena. Secondo molti pazienti i cambiamenti delle condizioni atmosferiche sarebbero tra i fattori che scatenano i dolori muscolo-scheletrici alla schiena, che aumenterebbero nei giorni più freddi o in cui la pressione barometrica precipita (es. cielo coperto e temporale).
  • Traumi articolari, cicatrici e/o vecchie fratture: anche i classici acciacchi sembrano risentire dei cambi atmosferici, intensificando le sensazioni di dolore provate in corrispondenza dell’articolazione interessata. Le ginocchia e le spalle sono tra le articolazioni più sollecitate e risultano più rigide e doloranti specialmente nei cambi stagionali.

Come prevenire i dolori causati da cambi stagionali?

Non ci stancheremo mai di dirlo ma alimentazione, attività fisica e uno stile di vita salutare con una giusta integrazione sono alla base di una buona prevenzione per quanto riguarda molte patologie.

  1. Alimentazione: Cibi grassi, altamente processati e pesanti rischiano di aumentare le infiammazioni a carico del nostro organismo, e dunque aggravare le condizioni fisiche della persona. Uno studio americano del 2015 ha dimostrato una correlazione tra una dieta principalmente a base di frutta, verdura, legumi e cereali, e una significativa riduzione del dolore nei pazienti affetti da osteoartrite. In particolare la dieta prevedeva
    → Un elevato consumo di cereali grezzi, legumi, frutta e verdura
    → Una moderazione di alcol e vino
    → Un moderato consumo di pesce e carne bianca
    → Un basso apporto di formaggi, latte, carni rosse, insaccati e latte (Il latte fa male alle articolazioni? Scoprilo qui)
    → Un consumo solo occasionale di dolci e bevande zuccherate.

bonesteel integratore ossa e articolazioni

  1. Stretching e allenamento di forza: chiaramente in base alle capacità di ciascun individuo, sono utili per ridurre i liquidi extracellulari, e di conseguenza particolarmente indicati quando il dolore si irradia in una parte specifica del corpo.
  2. CBD (Cannabidiolo): Questa molecola è studiata in maniera approfondita da diversi anni ormai proprio per le sue proprietà anti-infiammatorie e mio-rilassanti. È ampliamente utilizzata e prescritta da medici per migliorare la qualità della vita dei propri pazienti.

Che il dolore sia di lieve entità o molto fastidioso sicuramente integrare e stimolare il sistema endocannabinoide durante i cambi di stagione aiuterà il fisico ad affrontare al meglio ogni cambiamento (Scopri di più sul CBD)

  1. Omega-3: Proprio perché gli omega-3 combattono l’infiammazione può essere molto utile integrare duranti i cambi di stagione questi aminoacidi essenziali che lubrificano le nostre cellule e garantiscono il buon funzionamento del nostro corpo. Inoltre diversi studi hanno evidenziato come gli omega-3 riducano la rigidità articolare e ne limitino il dolore e gonfiore. Un recente studio iraniano condotto su 60 pazienti affetti da artrite reumatoide ha dimostrato che integrando la dieta quotidiana di omega3 contenuti nel pesce aiuta e riduce la necessità di ricorrere a farmaci antinfiammatori (Scopri di più sugli omega-3)

omega 3 alto dosaggio EPA DHA

In evidenza

Perché non riesco a dimagrire?

Perché non riesco a dimagrire?

Diciamoci pure la verità, stare a dieta è quasi sempre...
Calo del desiderio sessuale? Troviamo una soluzione

Calo del desiderio sessuale? Troviamo una soluzione

Il calo del desiderio sessuale è dovuto da molti fattori....

Newsletter

Rimani aggiornato,
iscriviti alla nostra newsletter.

    Accetto quanto riportato
    nella privacy policy
    Esprimo il consenso per essere aggiunto alla newsletter

    Contattaci per maggiorni informazioni.

    Contatti

    Condividi su: