GLI ALTRI CANNABINOIDI: QUALI SONO I LORO RUOLI

Non solo il THC e il CBD svolgono un ruolo negli effetti della cannabis. Dai un’occhiata a questi cannabinoidi meno conosciuti qui sotto:

CBG
Iniziamo il nostro viaggio nei cannabinoidi con la molecola madre per la maggior parte di molti cannabinoidi. Il CBG, noto come cannabigerolo, inizia la sua vita come acido cannabigerolico (CBGA). Da lì, gli enzimi all’interno della pianta lo trasformano in uno dei tre altri cannabinoidi, THCA, CBDA e CBCA. Queste molecole perdono il loro gruppo acido e diventano decarbossilati diventando THC, CBD e CBC. Poiché il CBG è “esaurito” quando convertito in altri stati, le piante ad alto contenuto di CBG tendono ad avere un basso contenuto di THCA o CBDA e viceversa.
Il CBGA è la molecola genitrice di molti cannabinoidi trovati nella cannabis.
A differenza del suo derivato THC, il CBG non è psicoattivo. Ha mostrato interessanti proprietà anti-infiammatorie, così come la capacità di protezione nei confronti dei neuroni. Alcuni studi avrebbero dimostrato la sua capacità di inibire la crescita delle cellule cancerose; inoltre è un efficace stimolante antibatterico, anti-spasmodico e stimola dell’appetito. Molti dei suoi benefici sono simili a THCA e CBDA, il che ha senso, in quanto sono chimicamente simili.
Prima di trasformarsi in THCA, CBDA e CBCA, CBGA può intraprendere un altro percorso attraverso cambiamenti enzimatici e diventare CBGVA, che è il precursore di un’altra tipologia di cannabinoidi: THCVA, CBDVA e CBCVA. La V in questo set di cannabinoidi si riferisce al Cannabivarin, classificato come propil cannabinoide; questo gruppo contiene una catena propilica invece di una catena pentilica all’interno della molecola. Sebbene questa distinzione possa offrire alcune modifiche agli effetti di questi cannabinoidi, la maggior parte agisce in modo simile ai loro cugini pentili. L’eccezione a questa regola è THCV, o tetrahyrdocannabivarina.

THCV
Come accennato, il THCV inizia la vita come CBGVA, e viene quindi modificato attraverso gli enzimi. Possiede una capacità differente rispetto gli altri cannabinoidi che è quella di sopprimere l’appetito invece di stimolarlo. Nessun altro cannabinoide conosciuto funziona in questo modo ed è proprio per questo che il THCV sta riscuotendo enorme interesse in ambito scientifico. Oltre alla soppressione dell’appetito, il THCV possiede la capacità di promuovere la crescita e la riparazione delle ossa.

CBC
Un altro cannabinoide promettente è CBC o Cannabichromene. Il secondo cannabinoide più comune, CBC è un prodotto di CBGA proprio come il THC e il CBD. Tuttavia, il CBC non interagisce con i recettori CB1 o CB2 come fanno il THC e il CBD. Il CBC sembra attivare altri recettori secondari e per questo motivo funziona bene nei preparati topici. Grazie a ciò potrebbe essere inserito come molecola nei trattamenti contro l’acne, riducendo notevolmente la sovrapproduzione di sebo nella pelle.
Il CBC ha dimostrato di essere più efficace nelle applicazioni topiche.
Combinato con le sue proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e analgesiche, può essere ideale per un elevato numero di patologie della pelle. Infine il CBC stimola con la motilità spastica dello stomaco senza causare stitichezza, effetto secondario di un gran numero di farmaci tradizionali.

CBN
A differenza di altri cannabinoidi che provengono da cambiamenti enzimatici all’interno della pianta, il THC si trasforma in CBN dopo prolungata esposizione solare in natura. Era tradizionalmente associato ad una ”cannabis di cattiva qualità”, poiché alti livelli di CBN tendono a causare mal di testa e aumentano il senso di stanchezza una volta fumata. Tuttavia, ora sappiamo che è necessario poco CBN per avere un pronunciato effetto soporifero e 5 mg possono essere efficaci quanto una dose da 10 mg di diazepam, un comune farmaco utilizzato anche per indurre il sonno. 

Come detto, tutti i cannabinoidi condividono il precursore CBGA. La pianta quindi ”dirige” il CBGA a diventare altri cannabinoidi per tutto il suo ciclo vitale tramite sintasi, enzimi che convertono chimicamente i cannabinoidi in altri cannabinoidi. Questo è determinato dalle esigenze della pianta e dalle quantità disponibili di precursori cannabinoidi. 

Stiamo ancora scoprendo i ruoli che ciascuno di questi cannabinoidi gioca all’interno della pianta, ma possiamo tranquillamente presumere che THCACBCA e CBDA avvantaggino la pianta in qualche modo perché appaiono in maggiore concentrazione all’interno di essa. La maggior parte degli altri cannabinoidi, sebbene potenti e utili per scopi medici, non sembrano offrire alla pianta tanto. Ricordiamo che il THC è effettivamente presente in quantità veramente basse nella pianta di cannabis, differentemente dal THCA presente in abbondanza (in relazione alle specie e genitiche di Cannabis).

Solo con più ricerche, selezione, studio di deteminate genetiche e comprensione della pianta di cannabis e dei suoi meccanismi naturali potremo imparare a svelare i segreti di queste sostanze non comuni, ”i cannabinoidi non comuni”.

 

Rimaniamo a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento o consulenza